EXIBART Marco Ticozzi (2019) NUOVI SPAZI D’ARTE CONTEMPORANEA APRONO A BRESCIA. SPECCHIO41 SI RACCONTA

Brescia vive un momento di interessante fioritura di iniziative nel campo dell’arte contemporanea, con l’apertura di nuovi spazi espositivi e comunicativi. Sono gestiti da giovani che si focalizzano sugli artisti delle ultime generazione, con un’articolata proposta in termini di campi di ricerca ed espressione, spesso aperti al coworking e alla collaborazione. Così si pone Specchio41, atelier di due artisti, Manuel Gardina e Zen.Zero, che da dicembre 2018 hanno aperto il loro spazio con la collaborazione del curatore Pietro Bazzoli, che abbiamo incontrato all’inaugurazione della mostra "MC2.8 - LA TRASPARENZA DELL’IMMAGINE”, di Maria Chiara Maffi e Chiara Giancamilli
SPECCHIO 41 appare in questo caso come galleria ma anche come catalizzatore relazionale e comunicativo: quale è il progetto e a chi si rivolge? 
«Specchio41 è un luogo con una doppia anima: da un lato luogo di lavoro, dall’altro sede espositiva. L’idea alla base è il contatto tra giovani artisti e con il pubblico bresciano, che sta dimostrando sempre maggiore interesse per la proposta artistica di cui la città si fa portavoce. Brescia è cambiata molto in questi anni, ha allargato gli orizzonti. Per questo Manuel Gardina, Zen.Zero e io, pur venendo da esperienze pregresse differenti, ci siamo trovati a voler investire sulla nostra città». 
Quali sono le linee curatoriali fondamentali che informano l’attività? 
«Proponiamo mostre di artisti under35, a prescindere dal medium utilizzato. Questo perché siamo dell’idea che il contatto tra giovani artisti sia sempre proficuo: è fruitore di dialoghi, confronti e influenze reciproche, così come possono nascere legami autentici. Con un artista affermato sarebbe diverso, perché l’età ha un peso sull’interpretazione della realtà e, di conseguenza, anche sulla propria arte. Gli artisti che proponiamo sono "in divenire”, alla ricerca di risposte personali ai grandi quesiti sul mondo, come lo siamo noi». 
di Marco Ticozzi
Full Article